27/07/10

Semplicemente questo.


L'oggi di un mese fa aprivo la pagina di Google Analytics per controllare i risultati del primo giorno di vita di questo blog. 71 misere visite. Non una di più. Oggi siete molti di più. E voglio dirvi qualcosa.

Questo blog non sarebbe mai dovuto nascere. È nato per le parole lusinghiere di molte persone che, per un motivo o per un altro, mi son trovato a conoscere in questo periodo così strano.
Ora che questo blog è nato mi ci sono moto legato (si nota, vero?).


È passato solo un mese, ma mi sembra molto di più.

Questo post è dedicato alle persone che leggono questo blog ogni giorno, quelle che lo leggono una volta alla settimana e quelli che lo leggono quando se ne ricordano o quando ci capitano e, anche, a chi dovessere leggerlo per la prima volta (non ci fate caso: di solito non sono così).

Questo post è per chi ama questo blog e per chi lo detesta e, anche, per i molti di voi che non hanno emozione alcuna a leggere 'ste pagine.

Grazie a tutti quelli che hanno speso qualche secondo del proprio tempo per commentare i miei deliri. Grazie anche a chi non l'ha mai fatto, nè mai lo farà.

Una dedica speciale è per coloro che hanno collaborato a rendere possibile questa cosa, a chi ha messo mano alle bozze dei pezzi per correggere i miei numerosi errori (Erica in primis), a chi ha donato a me qualche sua battuta - tutti citati tra gli autori, eh! Siamo chiari! - con una menzione speciale per Julija (beata tra gli uomini) e alla banda di Spinoza.it che mi ha reso un "autore" migliore (nonostante i loro sforzi sono così. Senza di loro sarei stato molto peggio, credetemi)

Un saluto a chi c'era quando 'sta cosa è iniziata e ora segue la sua strada che (il destino è stato questo) è così diversa dalla mia. Parallela e distante.

Un pensiero ed un ringraziamento vanno a Sara Santy e ad Ilaria che seguono 'sta roba dal "Giorno 1". E non da quest'ultima incarnazione.

Grazie infinite anche alle (davvero tantissime) persone che si sono complimentate con me, mi hanno sostenuto a loro modo o mi hanno spinto a continuare quando l'idea di smettere c'è stata: senza di voi tutto questo non avrebbe senso.

Grazie a chi mi odia o, semplicemente, non mi apprezza. Siete uno stimolo a continuare e a provare a migliorarmi. Ho molta strada ancora da fare.

Io vivo nel sorriso dei miei "fan"
Ok. Non proprio di tutti.

Grazie.
Semplicemente questo.

Kra

6 commenti:

  1. Grazie a te del ringraziamento...sono una dei tanti che ti seguono e ti trovano divertente, arguto commovente insomma superlativo, mi spiace firmarmi anonimo...me ne vergogno ma non so che significhino gli altri profili possibili...
    Ciao

    RispondiElimina
  2. blog scoperto da poco, pochissimo, ma messo subito in cima alla lista dei preferiti..passerò le pause pranzo a leggere i post più vecchi e scoprire le mille personalità (15/16??)dell'autore! :D

    RispondiElimina
  3. A volte fai ridere a volte meno. Ho imparato ascoltando Travaglio che il sorriso è lì per mascherare il pianto e che la Satira è riflessione prima che risata. Ti continuerò a leggere e penso di aver visto quasi tutto di questo blog continuando a commentare raramente. La stima non è per quello che scrivi, perché sei fallibile come chiunque, la stima è perché provi a fare quello che ti piace e ci fai riflettere, nel bene e nel male. Anche se alcune cose non le ho trovate divertenti, ciò non significa che comunque non mi abbiamo spinto a riflettere e questo significa che per me hai centrato il tuo obiettivo di satira. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Anche per mè è stato un caso scoprirti. E devo dire che molte cose mi piacciono, altre, ovviamente meno. Ma non per questo ti stimo di m meno.
    Ti seguo anche su FB e ti ringrazio per avermi fatto apprezzare certa musica poco conosciuta.
    Ciao Donatella

    RispondiElimina
  5. sei stato il mio primo approccio al mondo dei blog, e il primo amore non si dimentica mai. Sono sempre fiera quando mi fai leggere un pezzo in anteprima. Ti voglio bene, maschio.

    RispondiElimina
  6. Stavoltanonlodico2 agosto 2010 00:29

    Stavolta non mi firmo perchè voglio dirti cose tenere.
    Per prima cosa sono io a ringraziare te, per la tua capacità di farmi ridere e pensare; per la tua intelligenza, che usi così bene.
    Credo tu sia una persona speciale.
    Ti auguro di realizzare ciò che desideri. Baci.

    RispondiElimina